Concorrenza sleale: divulgazione di informazioni sfavorevoli per un’azienda concorrente

La Suprema Corte, con una recente sentenza (Cass. Civ., sez. I, 22042/2016), ha nuovamente analizzato il delicato argomento della concorrenza sleale.

L’articolo di riferimento per lo studio della fattispecie in oggetto è il 2598 del Codice Civile, per cui “compie atti di concorrenza sleali chiunque: (omissis) 2) diffonde notizie e apprezzamenti sui prodotti e sull’attività di un concorrente, idonei a determinare il discredito o si appropria di pregi dei prodotti o dell’impresa di un concorrente; 3) si vale direttamente o indirettamente di ogni altro mezzo non conforme ai principi della correttezza professionale e idoneo a danneggiare l’altrui azienda”. Continua a leggere

Novità fiscali del collegato alla finanziaria e legge finanziaria 2017

Qui di seguito vengono sintetizzate le principali novità di carattere fiscale introdotte dalla normativa in oggetto.

COMUNICAZIONE TRIMESTRALE OPERAZIONI IVA – art. 4, comma 1

Dal 2017 è stato introdotto l’invio trimestrale dei dati delle fatture emesse, acquisti, bollette doganali, note di variazione.

 

Contenuto della comunicazione :la comunicazione in forma analitica deve contenere per ogni operazione:

  • Dati identificativi dei soggetti;
  • Data e numero fattura;
  • Base imponibile, aliquota applicata e imposta;
  • Tipologia dell’operazione.

 

Invio della comunicazione: l’invio va effettuato entro l’ultimo giorno del secondo mese successivo ad ogni trimestre con l’eccezione del secondo trimestre, la cui comunicazione va effettuata entro il 16 settembre (in luogo del 31 agosto).

 

Solo per il 2017, la scadenza della comunicazione relativa ai primi due trimestri è stabilita al 25 luglio 2017.

 

Sanzioni: Per quanto concerne l’aspetto sanzionatorio, è stata prevista la sanzione amministrativa di € 2 per l’omessa o errata trasmissione dei dati di ciascuna fattura ed entro il limite massimo di € 1.000 per ciascun trimestre. La sanzione è ridotta alla metà ed entro il limite massimo di € 500 per ciascun trimestre, se la trasmissione o la correzione avviene entro 15 giorni successivi alla scadenza.

Continua a leggere

Adempimenti per la chiusura dell’esercizio 2016

A) VALUTAZIONE DELLE RIMANENZE AL 31.12.2016

Ai fini della redazione del bilancio dell’esercizio 2016 si rende necessaria la valutazione dei beni presenti in magazzino a fine esercizio.

E’ indispensabile, pertanto, redigere l’inventario analitico dei beni in rimanenza con riferimento alla situazione esistente al 31.12.2016.

 

Nel dettaglio delle rimanenze è necessario evidenziare:

  1. il codice del bene/prodotto;
  2. la descrizione;
  3. il criterio di valorizzazione riconosciuto dalla legislazione fiscale (costo specifico, costo medio ponderato, Fifo o Lifo).                                                                                             I criteri consigliati dallo studio sono il costo specifico o il costo medio. Di seguito vi riportiamo un esempio di calcolo per il calcolo  del costo medio ponderato della merce X da indicare nel dettaglio delle rimanenze.
  4. l’unità di misura;
  5. le quantità in rimanenza;
  6. il valore totale.

Esempio di dettaglio delle rimanenze:

Codice

 Descrizione del  bene

 Costo medio dell’anno o costo specifico

UM

 Quantità

Valore

…… Merce Y….. €. 22,50 Kg. 50 €.1.125,00
….. Merce X….. €. 12,50 Mt. 150 €.1.875,00
TOTALE     .3.000,00

 

ESEMPIO DI COSTO MEDIO PONDERATO

Il metodo del costo medio ponderato consiste nell’applicare, a ciascuno scarico, un valore pari al prezzo medio ponderato d’acquisto.

Ipotizziamo di aver effettuato i seguenti acquisti:

in data 5/02/2016 – 100 unità di merce X al prezzo di 15 euro l’una;

in data 15/03/2016 – 100 unità di merce X al prezzo di 10 euro l’una;

In data 20/03/2016 si effettua una vendita di 50 unità di merce X.

 

Determinazione del valore al 31.12.2016 da indicare nel dettaglio delle rimanenze.

       Merce X scheda di movimenti dell’anno.

Data Quantità Prezzo unitario acquisto Prezzo totale
05/02 Acquisto +100 15 euro + 1.500
15/03 Acquisto +100 10 euro + 1.000
20/03 Vendita -50
31/12 150 12,50 euro 1.875

Il prezzo medio di acquisto al 31.12.2016 si ottiene in questo modo (1.500 + 1.000) / 200 = 12,50

Il prezzo medio di 12,50 viene moltiplicato per la consistenza a fine anno. 12,50 x 150 = 1.875 Continua a leggere

Omaggi natalizi a clienti e dipendenti

OMAGGI A CLIENTI (PER LE IMPRESE)

  1. A) Omaggio a clienti di beni non prodotti e non commercializzati dall’impresa.

Trattamento ai fini IVA

Per la detraibilità ai fini dell’Iva il trattamento fiscale è diverso a seconda del costo dei beni:

  • IVA detraibile per i beni di costo unitario (iva esclusa) non superiore ad Euro 50,00;
  • IVA indetraibile per i beni di costo unitario (iva esclusa) superiore ad Euro 50,00.

 

La relativa cessione, in entrambi i casi costituisce una operazione “fuori campo IVA”.

Alla consegna degli omaggi consigliamo di emettere un DDT ( con causale “cessione gratuita”) per vincere la presunzione di cessione onerosa.

 

CESTE NATALIZIE A CLIENTI: le regole esposte valgono anche nel caso che i beni omaggio siano costituiti da alimenti e bevande e ceste natalizie. Il valore della cesta natalizia è dato dalla somma del costo dei singoli beni che la compongono.

  • Se la cesta natalizia è di valore inferiore a Euro 50,00 l’iva è detraibile,
  • Se la cesta natalizia è di valore superiore a Euro 50,00 l’iva è indetraibile.

Continua a leggere

Scadenze fiscali dicembre 2016

ENTRO IL 16

– IVA / liquidazione novembre 2016

– RITENUTE D’ACCONTO / novembre 2016

– Contributi INPS dipendenti e collaboratori / novembre 2016

– IMU / saldo 2016

– TASI / saldo 2016

Continua a leggere

La rottamazione dei ruoli – DISCIPLINA DEFINITIVA

Entro il 31 marzo 2017 la presentazione dell’istanza

  1. PREMESSA

Il Decreto Legge 193/2016 ha introdotto la possibilità, per qualsiasi contribuente, di estinguere il debito risultante dalle cartelle di pagamento Equitalia tramite il versamento di quanto iscritto a ruolo a titolo di:

  • imposta
  • interessi di ritardata iscrizione a ruolo
  • aggio e spese di notifica/procedure esecutive dovute all’Agente della riscossione.

Pertanto l’agevolazione consiste nella cancellazione delle sanzioni e degli interessi di mora. Continua a leggere

Notifica via PEC a società cancellata

La Suprema Corte di Cassazione è recentemente intervenuta in tema di notifiche via pec in caso di società cancellata dal registro delle imprese. Con la sentenza n. 17946/16 la Corte interviene sulle modalità di notifica degli atti introduttivi del procedimento prefallimentare, statuendo che, anche quando la società della quale si è chiesto il fallimento è già cancellata dal registro delle imprese, l’atto introduttivo del procedimento prefallimentare può essere validamente notificato telematicamente  via PEC e comunicato al registro delle imprese; quando non è possibile effettuarla via PEC, la notifica può avvenire presso la sede risultante dal registro delle imprese; qualora anche questa modalità non portasse ad un positivo risultato, è sufficiente il mero deposito del ricorso e del decreto presso la casa comunale.

 

Scadenze fiscali novembre 2016

ENTRO IL 16

– IVA / liquidazione ottobre 2016

– IVA / liquidazione 3^ trimestre 2016

– RITENUTE D’ACCONTO / ottobre 2016

– Contributi INPS dipendenti e collaboratori / ottobre 2016

– Contributi INPS commercianti – artigiani / 3^ rata 2016

– Premio INAIL – rateazione / 4^ rata

Continua a leggere

ROTTAMAZIONE DELLE CARTELLE EQUITALIA

Entro il 23 gennaio 2017 la presentazione dell’istanza

  1. PREMESSA

Il Decreto Legge 193/2016 ha introdotto la possibilità, per qualsiasi contribuente, di estinguere il debito risultante dalle cartelle di pagamento Equitalia tramite il versamento di quanto iscritto a ruolo a titolo di:

  • imposta
  • interessi di ritardata iscrizione a ruolo
  • aggio e spese di notifica/procedure esecutive dovute all’Agente della riscossione.

Pertanto l’agevolazione consiste nella cancellazione delle sanzioni e degli interessi di mora.

Continua a leggere